Se vai in gniro senza vergogna prima o poi te chiappi che rogna

Siete finito de bottavva de magnà grezze e grezzi?! Oggi solo avanzi! Speremo che tra li vari rlotti ce sete avuto lu tempu de parlà male de li polidici che se magna tutto… loro. Ad ogni modo, ogghi ve volemo parlà natra ota de Citanò che a quanto pare non gliela po proprio fa! Vole sta sempre su la vocca de tutti.

Lu pecorà rpulitu de Bernard Shaw dicia che “Il valore di una persona dipende dal numero di cose delle quali si vergogna.” E io, da contadì rpulitu che sono, a sta frase ce sono sempre creduto e nel limite delle mie possibilità, sono sempre cercato de cacà dentro la tazza.

Venerdì scorsu apprendo dalla stampa locale che invece a Citanò (Paese Cazzo 2017) sembra che vogliano insistere: infatti dopo la questione delle palme a forma de falli, hanno pensato vene de rincarare la dose, creando il contest #toccalapalma dove s’invitano la persò a fasse la foto sotto le palme e a condividerla su Instagram per prendere più cuori possibili; però noialtri siccome semo boni de core, ve volevamo avvisà che de norma sotto un cazzo ce sta sempre du coglioni, quindi non ce facete na bella figura, pensetece, che magari doprà un po’ de vergogna ve putria esse utile ogni tanto.

A noatri grezzi tutta sta storia c’è sembrata tipo: “Vavè semo fatto la figuraccia, addè come remediemo? Facemola fa pure a quell’altri… mal comune mezzo gaudio”. È come quando da piccolo infilavi le forbici negli occhi di tuo fratello e poi per pareggiare i conti ed evitare di essere smantellato dalla ferocia de mammata chiedevi a tuo fratello cieco di farlo anche a te.

Siamo così andati a vedere il sito internet e venemo a sapè che pare che se vince na cena per due persò. Visto l’argomento sarebbe stato più logico offrire na serata a lu naitte, ma vabbè, ce ccontentemo. Il ragionamento ha una sua logica: siccome ce pija per culo pure in Groenlandia, vuoi che non parte li pullman da mezza Europa per fasse le foto sotto lli cazzi giganti pe vigne na cena?

Siccome però è Natale e non se po parlà de cazzi, allora meglio ‘nventasse natra cosa’. Quindi ecco la seconda trovata: “Lo abbiamo fatto per sensibilizzare sul problema del punteruolo rosso“. È tutto chiaro? Dovete corre a Citanò a fa la faccia da cretini sotto na palma luminosa a forma de cazzo per esprimere preoccupazione per il punteruolo rosso.

Pensa quanti jiri tocca fa per non direSiamo fatto una figura de merda, ce dispiace, addè cambiemo le luminarie, lo facemo noatri co la scala, mbarde pinse e lu trattore“, magari poi jire in gniro pe li varre de la città e dire: “Ho stato io con il trattore”. Ma come ce pensi! piuttosto llarghemo la fossa, cuscì ce fochemo meglio.

Puntuale come un orologio si è diffuso rapidamente il partito del: “intanto se parla de nu”, “è tutta pubblicità”, “che je fa se te percula mezzo mondo? L’importante è che se ne parli”, “Citanò Comanna!”.Allora postmezzadri, facemoce a capì: “l’importante è che se ne parli” è una frase creata da lu figliu de Patrò de Oscar Wilde riferendosi all’arte come mezzo per provocare e al contempo veicolare un messaggio, come fa per esempio Banksy con le sue opere o le sue azioni, mo va vè che a Citanò sete tutti cazzo, ma co tutto l’amore che ve volemo non ve potemo paragonà a Banksy, gna che calete sa sa pianta!

Pe fa un esempiu più terra terra senza parlà strutto o gnereco, se un patrò de un ristorante che sta sulla guida Michelin la sera de la vigilia ve mannava tutti all’ospedale per una diarrea fulminante da cozze, all’indomani tutti li giornali avrebbero fatto a gara pe scotecallo e lui da parte sua non credo avrebbe detto “Oh sono parlato tutti de noi, l’imbordande è che se ne parla, la prossima volta glie faccio venì pure la salmonellosi cuscì me becco la prima pagina sul Corriere della Sera“.

Nsomma, non basta fa parlà de se stessi, gna da vedè pure quello che dice dopo.

Concludo, provare vergogna è il primo passo per migliorare. Prima se prova vergogna, po se chiede scusa, po se rimedia e se va avanti. Come ce nsegnava da frichi! La von’anema de nonno me dicia sembre: “Figliu devi sta attente sembre a come te comporti, perché quando la superbia galoppa, la vergogna sede su la groppa”.

Quanto c’haia ragiò lu poro nonnu!

Comunque lu scemu de Vraianne (lu figliu de Manfredo) ovviamente da perfettu cogliò che d’è se jitu a fa la foto sotto le palme!

Auguri Grezzi!

Aho grezza/o, t’è piaciuta sta storia? Ce ne sono altre sul nostro libro insieme ad una raccolta di studi sociologici inediti. Che spetti? Fatti una bella magnata de coltura. Questo è il link: http://amzn.eu/fCPeQ4k