Mondiali persi e postmezzadria

Puoi dimenticare cosa è successo al tuo matrimonio, anche perchè probabilmente te sci mbriacato, davanti agli occhi rassegnati della tua neo moglie, a quelli inorriditi de mammata e a quelli compassionevoli de pardo, che era mbriaco a sua volta. Ma non dimenticherai che hai fatto e con chi eri quando semo vinto li mondiali. Io per esempio non me scordo li caroselli de quel luglio 2006, Marchetto sopra lu cofanu co la bandiera de Italia 90, un mattuu che sventolava lo strisciò “Io ce l’ho Grosso” a mezzo de piazza e tutti che lu bbracciava come se li mondiali l’avesse vinti lui. Ma me ricordo pure Euro 2000, lu Manzu impazzitu co la bottiglia de sambuca sopra lu vancò del barre dopo li rigori co l’Olanda, lu poru varrista che je assestava violente mazzate dietro la schiena co la stecca da biliardo per fallu calà. E me ricordo Daviduccio che era troato la sposa a Passu de Treia e che sempre nel 2000, al minuto 89 della finale co li francesi, sull’1-0, disse: “Ragà vaco a pijà Claudia, sennò becco li caroselli per la strada e faccio tardi”. “Tu non sci un omu” je rispose Valterone. Come finì quella partita lo sapemo tutti. Daviduccio con noi non ce scappò più. E se potria continuà all’infinito.

Ecco perchè iersera ce semo sentiti un po’ più soli. Perchè comunque c’è stata tolta un’esperienza, che poteva essere anche disastrosa, ma sempre esperienza era. Invece è andata così. Ce lascia a casa li svedesi, che pensavamo capaci solo de nventasse mobili dai nomi impronunciabili e de fa le Volvo, e che invece se qualifica, senza peraltro sapè jocà a pallò.

Come tradizione, dovemo dì tutti la nostra. Tra le varie paralisi a Ventura, a li giocatori fighetti e tatuati, a lu trecinguedue, all’albitro, a la federaziò, a li stranieri, quilli che proprio non se bbozza è li pipponi esistenziali: “almeno addè l’italiani se sveglia invece de pensà a lu pallò”, “c’avemo la disoccupaziò ma ve preoccupete solo de la Nazionale”. E che du palle! Perchè, siccome la Nazionale a giugno starà a Formentera anzichè in Russia, pensete che scoppia la rivoluziò? O continueremo a lamentacce de tutto e a tenercelo?

Non è l‘apocalisse, non è una catastrofe, non è un’ecatombe e forse, a forza de tirà fori sti parolò, la sfiga ce la semo tirata. Ma na rottura de coglioni scì. Quanti fiumi de birra non scorreranno, compresi li fustini da 5 litri che se sgasa dopo un quartu d’ora e che se produce solo per quando joca la nazionale. Quante rrostate da chi c’ha casa co lu giardì che non ce faremo, dove se rtroa tutti, dal fanatico che sa a memoria tutte le nazionali dal 70 in poi, a quello che te chiede: “Ma Maldini joca ancora?” Quante piazze senza maxischermi, quante bandiere che non ppiccheremo su la terrazza. Quanti tuffi de notte in mare, quante persò mai viste che non abbracceremo. Quante mprecaziò al barre, tra un caricu de briscola e un Varnelli, senza parlare de chi convochemo pe li mondiali.

Purtroppo è andata così. A differenza de 60 milioni d’italiani, noatri la soluziò non ce l’avemo. E forse, de parole, se ne sta dicenne pure troppe, ne bastava tante de meno. Come quelle de Bruno Pizzul, Usa 1994, prima del rigore che non ce scorderemo mai. “Roberto…. Alto… E’ finita”.