Li cesti de Natà

Popolo postmezzadro, e anche stu Natà è rriatu! Dite la verità, stete tutti co la pasciò in questi giorni a penzare cosa regalare a li parenti, a la vicinata che t’è venuta a pregà tuttu lu santu jornu le litanie quando è morta la pora nonna, a lu commercialista che t’ha fatto mpo’ de mbrogli pe ngulà lo Stato e via dicendo. La risposta, in un buon 80% dei casi,è una sola, categorica e impegnativa per tutti: lu cestu!

Sì perchè lu cestu è la soluzione a ogni male di questo porco mondo. Te lo calibri come cazzacciu te pare, te capi la spesa justa a seconda dell’importanza del ricevente e del livello de figura che voi fà, che normalmente si articola in 3 gradazioni. La prima è il “penzierino”. Cioè ce metti lo pegghio schtabbio possibile, è il classico regalo che te tocca fà ma ne faresti volentieri a meno e dopo che lu si consegnatu pensi: ti pozza jire pettraverso. In genere è pe li parendi a la lontana che magari ce si fatto pure cagnera per l’eredità, sempre de la pora nonna de cui sopra.

La seconda è il “midistinguo“. Fondamentalmente non te ne freca un cazzu della persona a cui lo doni, ma ti piace essere ricordato. Ecco allora che riempi il cesto con frutta esotica tipo papaya, maracuja e altre diavolerie di cui tu stesso ignoravi l’esistenza, ce metti la salsa col marchio de alta norcineria, che secondo me in realtà èconfezionata in Vietnam, combleti il tutto con miele biologico, un po’ de frutta secca che ce sta sempre vè, formaggi de le piane dell’Himalaya e qualche tavoletta de cioccolato sudamericano con aromi strani.

La terza categoria è il “mecojoni”. E’ l’esclamazione che ti aspetti il ricevente faccia quando je rria tutto llo bendiddio. In genere è   fa bella figura co lu patrò quando stai in ballo pe na promoziò, oppure è il dono da fare all’avvocatu che t’ha risolto quel problemino de abuso edilizio. Ce metti tutta robbetta bona de la campagna, una spasura de salamitti e saciccette essiccate, li carciofi e le merangole sott’ojo, se proprio lu debbitu è grossu anche un prosciuttu interu, na forma de cascio, lu zambò che de solito va buttatu ma fa tanto atmosfera, un par de bottiglie de vìde un certo livello. In tutto questo, l’astuto campagnolo postmezzadru penza che l’avvocato dopo ssa magnata se lo scorda che ancora je deve dà 2000 euri de parcella. La storia finisce in rissa là per febbraio, quando la segretaria dell’avvocatu telefona per chiede li sordi e il postmezzadro strabuzza gli occhi:”Ssu latru, co tutto quello che s’ha magnato je c’è rvene purelo rresto! Ghià se l’ha scordato tutto quello che je so portato a Natà?”

Il cesto in principio era classico e dai parametri ferrei: una bottiglia de spumante, quasisempre Cinzano. Un paccu de pasta del pastificio artigianale. Unsalame. Una lonza. Un barattolu de sugo. Un pezzu de cascio, il più delle volte pecorino. Un panettone o pandoro. Un paccu de lenticchia. Na vrancata de noci e nocciole che almeno se lu scoti sona. Poi le varianti sono diventate infinite. Cesto solo salumi, cesto solo formaggi, cestodolci, cesto di cioccolate, cesto di frutte, cesto con selezione di vini ed olii e chi più ne ha più ne metta.

Ma come si calcola la gualidà de lu cestu? Secondo i più grezzi, a pesu. Cioè deve pesà come un omu mortu. Il tutto spesso serve a mascherare che in realtà dentro ci sta la pegghio monnezza, ma se pensa de fa colpo quando loporgi alla vergara e quella se spezza li polsi perchè pesa na quintalata. Dentro c’ha vuttato la farina, un par de chili de caffè,5-6 pacchi de pasta, 4-5 barattoli de sughi pronti e sottaceti. Giuro che na ota me capitò un cesto co dentro li ciotti de fiume. Il donante ce fece addirittura lu paccò dicendo che “ci teneva alla coreografia”.

A Natale pe li cesti compaiono cose che non esistono in natura il resto dell’anno. Unesempio? Sete fatto caso alla dilagante spasura de “fiocchi diprosciutto”? Donghe vai, sta settimana tutti te appioppa lu fioccu de prosciutto, che sia dentro a un cestu, oppure imballato dentro na piccola cassa da mortu. Ma il resto dell’anno, esclusa Parma e provingia, chi lo vede mai?

Il cesto viene  spesso regalato alla vecchia vergara che lu jornu de Natà ce n’ha una spasura che non je basta li divani là casa per metteli tutti infila. Lei quando li riceve ringrazia con il tradizionale “ma nonserviva cosa”, ma in fin dei conti se lo aspetta e vive con una spasmodica attesa il momento in cui lu po’ scartà e imprecare contro il cibo industriale che smisterà a figli e nipoti. “Che m’haregalato? Le tagliatelle de lu pastificiu? Sergiooo, queste piglietele tu sennò le vutto. De tagliatelle me vasta quelle chefaccio io… Lo sugo co li funghi? Rigooo, voli un po’ de sugo pe là casa tua che tanto mojeta non cucina? Io sta robba no la magno”. E via dicendo. Il panettone de li cesti natalizi invece vagherà persettimane di casa in casa come omaggio da portà quando ce se stroa ajocà a carte, per essere poi buttato là per Carnoà.

Volete un consiglio? Quest’anno dentro lu cestu metteteci il nostro libbro Cronache postmezzadrili. Pesa poco, è originale e se se mpregna de odore desaciccia è ancora più avvingente.