LA CENA IN BIANCO ai tempi del degrado postmezzadrile

Ogni agglomerato umano ha le sue usanze/tradizioni che in parte ne definiscono i tratti distintivi della cultura in cui il gruppo stesso vive. Detto in parole più grezze, noiatri contadì de le Marche zozze per esempio la domenica magnemo ciausculu, vingisgrassi, olive all’ascolana e dopo magnato ce facemo un Varnelli e dicemo le vestemmie.
Ovviamente le usanze come anche i rituali ci fanno più o meno direttamente sentire parte di quella comunità, come quillu che bestemmià dentro lu varre e se sente parte de la tifoseria de la Monde Piducchiese o quillu che ce l’ha sempre co chid’una e se ‘ndinnia, po dopo va su facebook e troa atri cugliù come issu che glie da corda.
Le usanze si mescolano come se mischia le persò, ad esempio lu figliu de Marì de Moccatò che da Monte Piducchiu s’era trasferitu a Sant’Marguttu a Mare s’era dovutu adeguà alla tradiziò locale che dicia che pe festeggià lu Santu Patronu ogni maschiu de casa se duvia fustigà lu pipu e issu, che tantu virbu non era, pe fa vedè che era come quill’altri, se calò le caze e glie dette sotto co la fibbia.
A volte le usanze o le tradizioni vengono anche dall’estero come ad esempio la festa de alluinne, quella che fa ngazzà lu prete pe capisse. Va detto però che ogni tradizione prima ancora di diventare tradizione è prima de tutto una moda e ghià la parola stessa a lu postmezzadru gliè fa glirà li coglioni: “Che d’è tutto so stupetu vanni a tribbulà…”.
Una delle ultime mode che si sta diffondendo (in ritardo ovviamente) nelle terre della postmezzadria, è la cena in bianco, detta anche “le Diner en blanc” per quilli che non dorme jiò de piedi lu lettu, oppure la “the white dinner” pe quilli che fa finta de parlà lo gnereco e c’ha li vaffi da sciapottu.
Ovviamente ogni moda porta con se un esercito de moralisdi e rompicoglioni che d’è contrari, “…Noiatri a tempu nostru non lo semo mai fatto… era meglio quando se stava pegghio… ce vurrià Vaffò, (o Musolì)..” e via discorrenno. In realtà quando se tratta de divertisse lu postmezzadru, votatu a lo tribbolà, non accetta alcuna frivolezza perché appunto essa stessa è contro l’etica postmezzadrile de lo penà.
Noiatri de dpm invece in generale semo contenti che ve divertete e che sostanzialmente ve facete li cazzi vostri però semo pure preoccupati de quello che pensa tutte le ote nonnetu quando prima de scappà de casa te vede tuttu rvestitu de vianco e te sentereVaco a fa la Cena in Bianco“. Issu che penserà?: “...Cena in bianco?!, ma che se va a communecà n’atra ota su stupetottu?!… oppure Cena in bianco? ma che se sente male che magna in vianco?”.
In conclusione, le mode arrivano e le mode passano, speremo che almeno ve rmanga le patacche de sugo de li voccolotti de lo vatte su li pagni vianchi de Gucci che sete combrato co li vuffi, grezzi!