Il campanilismo armato ovvero: “Monte Piducchiu Commanna” – Studio sociologico

Dite la verità anche voi in una maniera o nell’altra siete stati testimoni di questa forma di masturbazione territoriale.

Il campanilismo armato non è un fenomeno legato solo allo sport o alla squadra locale,  Il campanilismo è un fenomeno che parte dal medio evo quando i comuni facia a botte tra de loro per chi doveva andare a comannare.

Diciamo che dopo 600/700 anni stemo loco ancora a remuginà e quindi dopo le scritte inneggiati alle varie gesta dei super eroi del ‘900, come super Dux o Doctor Baffone ci sta pure le scritte su li vari Monte Piducchiu.

Solitamente si abbina un comune di merda della provincia con la parola Commanna. Ad esempio, Montegranà commanna, Tolendino commanna, addirittura un giorno ho letto Force Commanna, che tra tutti li comuni pecorà a d’è lu più pecorà de tutti, dopo Curetta ovviamente.

Ma che cazzo vi dice sa capoccia quando decidete di comprare una bomboletta spray per scrivere su un muro il nome del vostro paese co la parola “commanna?!” Ma che comanna? a chi commanna?… “ho stato io con il trattore”( cit.) in tangenziale andiamo a commannare.

Il campanilismo è armato perché lo spirito che lo anima da più di 600 anni è sempre stato quello. Tra i suoi vari adepti e militi potete trovare le seguenti figure de cugliù:

Lu sostenitore: Fatiga come un mattu tutta la settimana, dentro la fabbrica e va a piscià tutti li jiorni a le 3. Lu fine settimana sostituisce l’acqua co lo Varnelli. Lu trovi a seguire tutte le partite della sua cara Monte Piducchiu al bar e commentare co la voce impastata de bestemmie, alcol e marlboro laitte.

Lu tifosu: Vive per la squadra della sua città e non ci sono cazzi. Durante la notte lo trovi in giro ad appendere manifestini A4 con pseudo ordini esecutivi al popolo dei locali, del tipo: Domenica tutti a Battipaglia!, oppure domenica tutti in curva  (curva… un rettaccu de cimento sopre li spogliatoi). Ovviamente non se lu ‘ngula mai gnisciù ed è meglio pure che non lu ‘ngondri altrimenti te ‘ttacca a cacà lu cazzu sul fatto che non vai mai a la partita a sostenere la tua squadra. Guarda, te lo dico ecco una volta per tutte “non me rompe più li coglioni” quando perdete provo anche una sorta di orgasmo psicologico.

Lu politicu: Fa lu consigliere comunale co un numero pornografico di preferenze (69) pensa che il suo Paese a d’è lu più bellu e lu meglio de tutti. Se pensa pure che issu sta ad amministrà l’America e quindi parla de decisioni difficili quanno deve tappà na vuscia o cambià lu sensu de marcia davanti a casa de Francì lu Fregnaccià che d’è lu presidente de la Sagra de lu Cunillu co la jia e che se pò spazientì perché non pole scappare da lu carage. Per issu lo paese sua è lu sòle e tutti quell’altri fa vommetà.

L’apettaru/tuning: C’ha tra i 16/23 anni e ghià é prondu pe la vida dura. Parla de sparatorie e gang ma vive a Torre San Badrizio. Lu fine settimana va a fare a botte co quelli de Monte Piducchiu a la discoteca illiade de lu Portu pe fa capì che loro “Commanna”

L’emigratu: E’ di un altro paese limitrofo, molto spesso dell’entro terra e si è trasferito in un Comune della costa. Odia le sue origini e considera i suoi ex compaesani una razza di bifolchi. Issu invece non è più bifolcu perché è ghitu via da Monte Piducchiu e se rveste tutto rleccatu co la varba e li vaffi da sciapottu. Fa lu saputu e tutte le domeniche quanno rvà a fa pranzu a casa de la madre e dopo se ferma su lu vecchiu varre a Monte Piducchiu fa capì che issu ormai s’è rpulitu.

Poi c’è il mio favorito, Il quartierista. È una figura che viene fuori, guarda caso, durante le rievocazioni storiche. Il quartierista è il più feroce e il più assetato di sangue tra i campanilisti armati. Sbandiera, si veste da sciapottu co la calzamaglia e poi va a fare cagnara co Luigì de Puzzara perché sta de casa più ghiò de lu fossu. Lui vive per il suo quartiere e al momento della rievocazione storica le bbotte sono inevitabili. A Monte Pidocchiu se finisce sempre a fa botte pe strada, su la vreccia, gliò lu campu o la lu varre, tra un bicchiere de Varnelli e unu de Anisetta Meletti, perché se sa che alla fine de tutto Ascoli Commanna perché Fermo non pole fa provincia.