E tu che sei combrato al blecfraidei?

Sia chiaro, io non c’ajo gnende contro le tradizioni dell’americani. Come potrei? So cresciuto dacenne le clacche a li jukebox come Fonzie per vede se ero capace pure io de ppiccià la musica, da piccolo volevo la moto per diventare come l’agente Poncharello, sognavo de combramme lu Generale Lee de Hazzard appena presa la patente. A casa se invidiava li quatrì de J.R de Dallas, se guardava Dinasty e Capital prima ancora che rriesse Biutifu. Insomma, un pezzo de America ce l’ajo in circolo, come tutti noi. E non c’ajo gnende manco contro Allouì, anzi! Me so mmascheratu come un critinu per anni e anni, da Corvo, da Dracula, da Freddi Crughe e altri che manco me ricordo. Però, cari miei, se dovemo fa l’americani, facemoli per bè, non è che potemo confià un pollastru co la pompetta e passallu per tacchino.

E allora, e vengo al punto: ma sso sciapo de lu blecfraidei, ce occorre? Perchè in Italia semo fatti cuscì, ce pija ste mode all’impruiso e non raccapezzemo più co’. Negli Usa lu blecfraidei se fa da na vita, E’ il giorno dopo la festa del ringraziamento, è l’inizio delle vendite che porta fino a Natale. Co na jornata parte na vagonata de quatrì che ce magneria tutta l’Africa per qualche anno. Man mano anche in altre nazioni si è cominciato a organizzare vendite speciali l’ultimo venerdì di novembre, da noi no, tranne qualche eccezione. Poi, quest’anno, apriti cielo. Paria che senza blecfrdaidei non eri gnisciù. Manifesti, cartelli, lavagne, anunci, sconti dall’80 al 130%, bbocca che te rporti via tuttu lu scaffale e te ce daco 50 euri sopra. Di tutto e di più. Perfino zia Angelina è jita da lu dentista venerdì e gli ha chiesto: “Scusi dottò, ma ssu blecfraidei vale pure pe la dentiera?

Anche io, che penzo de esse sverdu ma so lu più cogliò de tutti, venerdì dopo aver finito di masticiare mi sono fatto lu jiru de li negozi, attirato dalle scintillanti promozioni. Bbocco su un negozio d’abbigliamento che c’era scritto “sconti fino al 50%“. Jemo a vedè. In realtà in sconto c’era 4 pare de cazitti. Per il resto, la commessa mi spiega che “facciamo il 10% se acquista almeno tre capi”. E va vè, me pare na ngulata ma ormai ce stemo. Compro tre cose, la commessa me guarda e me fa “Eh no, tre prodotti da almeno 50 euro l’uno”. Ah ecco. Va vè, io vaco da n’atra parte, che oggi ci sta sconti eccezionali e mica me posso fa frecà cuscì. Entro da n’atra parte che c’era scritto “promozione straordinaria Black Friday“. La promozione straordinaria era che te dava un buono acquisto de 5 euri ogni 100 de spesa. Mecojoni! Ma stetece attenti co ssi sconti esagerati, che dopo jete a zambe per ajo come Manfredo Prati. Ma io non me rassegno e vado donghe si sparagna per daero, che c’era scritto “liquidazioni eccezionali Black Friday“. Ah fregna lì li sconti c’era mica per ride. Cinquanda per cendo tondo tondo. Chiedo “Scusi, vale anche per i jeans?” None. “Vale anche per i giacconi?” Nemmanco. “E per le maglie?”. Ma come ce penzi. Però c’era una bellissima collezione Nonno Alfiero de metà anni 80 a prezzi stracciati. Un atru facia li sconti in divenire. Cioè tu paghi a prezzo pieno, però te fa li sconti se ce rvai a combrà pure sotto Natà. Un po’ come su L’allenatore nel pallone, che la Longobarda s’era vennuto li giocatori subboto, però era pigliato Maradona tra tre anni. “Canà, bisogna saper osare”.

A la fine de la fiera, c’avia ragiò Sergetto lu bottegà, che me l’era cantata justa: “Aoh, ma mica dormo da pè a lu lettu. Stemo a la fine de novembre, se te faccio li sconti addè, a la vigilia de Natà che magno, le scattolette de tonno?”